La cannabis per le bonifiche

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Cannabis sativa per le bonifiche dei territori della Sardegna inquinati dai metalli. Il via libera all’iniziativa arriva dalla finanziaria regionale del 2015, che mette a disposizione un finanziamento di 450mila euro per tre anni e ha come obiettivo quello di intervenire su un’area di 445mila ettari. Lo scopo è la coltivazione della cannabis sativa, quella a basso contenuto di Thc, sotto lo 0,6%. Tale quantitativo non la rende assimilabile a quella indica, proibita per legge perché ritenuta droga leggera. Ricordiamo inoltre che la cannabis ha svariati utilizzi: in farmacologia, principalmente come analgesico e contro asma e glaucoma, ed è attualmente allo studio il suo effetto per la lotta contro i tumori; in edilizia come fibra tessile, per l’estrazione dell’olio ad uso alimentare, per la produzione della carta. Gianluca Carboni, agronomo responsabile scientifico progetto dell’Agris, l’Agenzia Regionale per lo sviluppo in agricoltura: «Il progetto è abbastanza articolato ed è ancora in fase di sviluppo. Di certo la coltivazione della cannabis sativa può essere vista come un’opportunità. La direttiva della Regione è stata quella di partire da questi territori e proporre quindi il progetto agli agricoltori ai quali spetterà la sperimentazione, mentre sarà in carico a noi il supporto scientifico e le sementi certificate».

Il finanziamento prevede anche degli indennizzi: dai 500 euro a ettaro per un campo non inquinato ai 1.500 euro a ettaro per aree da risanare. Attraverso la fitodepurazione, le piante dovrebbero assorbire i metalli presenti nel terreno. Nei tre anni successivi alla semina, si osserveranno le quantità di materiale assorbito dal terreno. Le prime aree del progetto sperimentale saranno quelle del Sulcis Iglesiente, Guspini e Porto Torres. Lunedì 13 sono iniziati gli incontri pubblici alla ricerca di coltivatori o proprietari terrieri disposti a partecipare il progetto.

#cannabisardegna

La cannabis per le bonifiche ultima modifica: 2017-02-19T19:09:37+00:00 da Bastiano Pugioni